UX vs User Journey: principali differenze

Come abbiamo visto in questo articolo, la User Experience viene spesso confusa e messa a confronto con gli User Journey, ossia i percorsi degli utenti.
Arrivati a questo punto, qual è la vera differenza tra i due?

Il nostro articolo cercherà di sviscerare la questione e sarà impostato nel modo seguente:

  1. Definizione di User Journey.
  2. Definizione e fasi della User Journey map.
  3. Differenza tra UX e User Journey.

 

Definizione di User Journey

Gli User Journey cercano di captare e anticipare le emozioni, i punti deboli e i motivi che spingono l’utente ad agire in un modo piuttosto che in un altro.

Esso è quindi utile per:

  • Scoprire e capire quali sono le difficoltà dell’utente, mettendolo anche al centro del processo di sviluppo del prodotto finale;
  • Evidenziare le nuove opportunità da sviluppare in un futuro più o meno remoto;
  • Supportare le iniziative di marketing.

Arrivati a questo punto, avrete sicuramente capito che è fondamentale riuscire a mappare questi comportamenti.

 

User Journey map

La mappatura del viaggio dell’utente permette di rappresentare visivamente l’esperienza utente ed è quindi in grado di mostrare la visualizzazione completa della relazione di un utente con un sito, e quindi con un determinato brand.

Le azioni necessarie a mappare correttamente il comportamento dell’utente sono le seguenti:

  • Fare la scelta corretta del livello di approfondimento.
  • Avere un’idea precisa della User Persona che si vuole mappare: è fondamentale capire chi è il target di riferimento che vive il viaggio. Bisogna quindi fare un lavoro di analisi del target serio, per definire l’utente e i suoi bisogni.
  • Stabilire una definizione precisa dello scenario e delle aspettative degli utenti: bisogna chiedersi che aspettative abbia l’utente e che scenari potrebbero scaturire dall’utilizzo del prodotto da parte di quest’ultimo.
  • Stilare un elenco dei punti di contatto che l’utente potrebbe avere con il prodotto e, di conseguenza, con l’azienda (questo significa mappare tutti i canali, anche quelli offline).
  • Considerare l’intenzione dell’utente: capire quindi cosa lo motiva ad agire e che problema stia cercando di risolvere.
  • Considerare lo stato emotivo dell’utente durante ogni fase di interazione: capire cosa prova aiuta gli esperti a connettersi con l’utente su un piano ‘umano’ e a mettere in luce le aree che richiedono un perfezionamento ulteriore.
  • Disegnare la User Journey: unire tutte le informazioni raccolte negli step precedenti, di modo da mappare ogni singola interazione della User Journey.
  • Convalidare e perfezionare la mappatura man mano che scaturisce qualcosa di nuovo.
  • Condividere la User Journey Map con tutta l’azienda, di modo che tutti i membri possano guardare l’esperienza di fruizione dal punto di vista dell’utente e agire di conseguenza in futuro.

 

Differenza tra UX e User Journey

Arrivati a questo punto, qual è la vera differenza tra User Experience e User Journey?

L’esperienza utente è qualcosa di più vasto ed astratto: la User Experience si riferisce alla facilità e alla soddisfazione con le quali un utente interagisce con un prodotto.

Gli User Journey, invece, rappresentano e raccontano l’esperienza appena menzionata dello user, di modo da fornirgli una rappresentazione concreta di come quest’ultimo interagisce con il prodotto.

Ti abbiamo incuriosito? Allora scrica il nostro eBook sulla User Experience!

 

Ebook gratuito User Experience

 

Vuoi approfondire?


Il nostro team è a disposizione per rispondere a tutti i tuoi dubbi e pronto a fornirti supporto nello sviluppo di un progetto o prodotto digitale.

Contattaci

Hai un progetto da sviluppare?

Made with ❤︎ by Mònade